Domande frequenti

Hai domande relative a un prodotto o ad altri temi?

Filtra le inserzioni per tema:

Le nuove domande e le nuove risposte:

Alcol nei generi alimentari:
Nell’assortimento di Migros, già ai tempi di Gottlieb Duttweiler, si potevano trovare generi alimentari contenenti alcol come le torte al kirsch o le praline. Questa pratica, tuttavia, poteva e può tuttora considerarsi corretta visto e considerato che nel contratto con le cooperative è sancito il principio fondamentale per Migros di non vendere bevande alcoliche.

Gottlieb Duttweiler, in sostanza, voleva assicurarsi che non sarebbero stati proprio i suoi principi commerciali di «prezzi convenienti grazie a margini contenuti» a dare impulso a fenomeni quali la dipendenza della popolazione dall’alcol. Lui stesso, però, fumava volentieri un sigaro e ogni tanto sorseggiava un bicchiere di vino.

L’alcol, nell’industria alimentare, viene utilizzato come supporto dell’aroma. Le quantità di alcol presenti in praline, cioccolate o torte sono però ridotte: un boccalino di birra (3 dl), per esempio, contiene cinque volte più alcol di 100 g di truffe al liquore. Il prezzo delle praline contenenti alcol, inoltre, è di gran lunga superiore rispetto alle bevande alcoliche: la quantità di alcol contenuta in 100 grammi di truffe costerebbe 30 volte meno sotto forma di birra!

Fatte queste considerazioni, Migros già in una fase precoce della sua storia appurò dunque che i prodotti di questo tipo non avrebbero potuto rappresentare un serio pericolo. E, di conseguenza, il divieto di vendita venne limitato esplicitamente alle bevande alcoliche.

Bevande alcoliche:
Migros, oggi come ieri, nei suoi negozi non vende né alcol né tabacco. Questa rinuncia, che vuole segnare una continuità con i principi di Gottlieb Duttweiler, è tuttora rispettata e lo sarà anche in futuro. Una delibera dell’Assemblea dei delegati della Federazione delle cooperative Migros, seguita a un dibattito attento e approfondito, ha però autorizzato la vendita di bevande alcoliche nei golf club gestiti da Migros e in singole strutture per il tempo libero. La delibera è stata sostenuta dalla maggioranza.

Per quanto riguarda gli shop nelle stazioni di servizio Migrol, occorre invece precisare che non si tratta di filiali Migros. I gestori degli shop sono partner della cooperativa Migrol, un'azienda autonoma che fa parte della Comunità Migros. I gestori, in quanto partner, sono legati a Migrol da contratti diversi. In alcuni casi praticano forme di franchising che, accanto ai prodotti Migros, prevedono anche la possibilità per il gestore di definire personalmente una parte dell’assortimento. Questo regolamento, in sostanza, consente a Migrol di operare con redditività su un mercato aspramente conteso come quello petrolifero e di offrire, oggi come ieri, prezzi vantaggiosi per i carburanti a livello nazionale.

Analoga è la situazione per i dettaglianti con prodotti Migros: anch’essi offrono un assortimento Migros più o meno ampio, integrato da altri prodotti non Migros tra cui figurano bevande alcoliche e tabacchi.

Le carte non devono mai essere attivate. Si attivano automaticamente non appena vi è un credito disponibile.

Le carte regalo Migros o le Migros Cash Card devono essere utilizzate entro cinque anni, altrimenti scadono, come previsto dalle attuali CGC. La preghiamo tuttavia di ricordare che la validità delle carte si prolunga automaticamente di altri cinque anni dopo ogni utilizzo, sia che si tratti di un acquisto o di una ricarica. Per gentile concessione, è possibile riattivarle per altri cinque anni anche dopo il termine di scadenza.

- Di norma 2 anni

- Articoli della marca Mio Star 3 anni (a partire dalla data d’acquisto 01.07.2018)

- Per singoli assortimenti, Migros concede 5 anni di garanzia per es. sugli elettrodomestici di grandi dimensioni (data d’acquisto compresa tra l’01.10.2013 e il 03.11.2016; prima e dopo 2 anni di M-garanzia) e sui tosaerba della marca propria Migros Do it + Garden (dalla stagione 2011)

Se il fabbricante accorda una garanzia superiore ai 2 anni, la stessa viene accordata al cliente.

- La garanzia é valida a partire dalla data d'acquisto o dalla data di consegna.

Il certificato di garanzia, lo scontrino o la fattura valgono come garanzia. Se la merce acquistata viene consegnata in ritardo la garanzia ha inizio a partire dalla data di consegna.

- La “vecchia” garanzia rimane invariata? No

- La nuova garanzia é valida a partire dalla data di sostituzione? Si. Si emette un nuovo certificato di garanzia.

Se è stata stipulata un’assicurazione M-garanzia +3 (AMG+3) per il vecchio apparecchio, al cliente sarà rimborsato il premio della stessa, poiché questa non è trasferibile ad un altro apparecchio.

- 2 anni sulle parti sostituite e sul lavoro.

Il bollettino di riparazione, rispettivamente la fattura valgono come certificato di garanzia.

- Parti sostituite e lavoro

Per i grandi elettrodomestici e l’elettronica ricreativa viene coperta anche la trasferta.

Esempio grandi apparecchi: frigoriferi e congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie e i televisori con una diagonale dello schermo a partire da 49” (124 cm).

Non sono compresi nella garanzia i guasti dovuti a normale usura, uso inadeguato o danni provocati dal proprietario o da terze persone, oppure derivanti da cause esterne1).

1) Esempi (lista non completa):
- normale usura degli accumulatori, effetti burn-in negli apparecchi televisivi al plasma
- calcificazione, fuoriuscita di liquidi dalle pile, perdita di dati, danni causati da software, virus
- modifiche apportate al prodotto, uso errato 
- calamità naturali, gelo, fulmini

L’obbligo di garanzia si estingue per le riparazioni effettuate da centri servizi non autorizzati dalla MIGROS

Siamo lieti di offrirti ulteriore aiuto

Ti serve ancora qualcosa?