Vai alla panoramica delle FAQ

Domande frequenti

Come mai l’assortimento di Migros non prevede un maggior numero di prodotti in mini porzioni?

Migros è un’azienda che opera nella grande distribuzione e, proprio per questo, la sua offerta deve tenere conto delle aspettative più disparate della clientela.

Per contro è altrettanto vero che, soprattutto negli agglomerati urbani, sta crescendo il numero delle economie domestiche formate da una o due persone. La tendenza non è passata inosservata nemmeno agli occhi di Migros che, per numerosi prodotti, ha già provveduto a introdurre porzioni di dimensioni più contenute. Pensiamo per esempio alle conserve (fagioli, piselli, ananas a fette, rösti, ecc.), ai formaggi (diverse porzioni singole), alle carni, agli insaccati e via dicendo. A questo proposito, però, dobbiamo puntualizzare che spesso l’incidenza dell’imballaggio e i costi di produzione non scendono di molto rispetto alle porzioni tradizionali.

Domanda e offerta
Le mini porzioni, dunque, alla fine sono più care rispetto alle altre, ragione per cui molte consumatrici e molti consumatori continuano a preferire il cosiddetto formato normale. Per questa ragione, ma anche considerato il fatto che i mini formati vengono proposti soltanto come prodotti complementari e che lo spazio negli scaffali è sempre limitato, possiamo affermare che l’offerta delle mini porzioni è fortemente orientata alla domanda.

Offerta in costante crescita
Le esigenze delle piccole economie domestiche stanno conquistando sempre più spazio. Lo testimoniano l’espansione continua dell’offerta self-service per frutta e verdura, la vendita sfusa di carne, pane, pasticceria, formaggio e il crescente numero di piatti traiteur.